Assicurazione Auto: scadenza, tolleranza e come rinnovare

Assicurazione Auto: scadenza, tolleranza e come rinnovare

La scadenza assicurazione auto è un termine da rispettare: ma che tipo di tolleranza è prevista dalla legge e come rinnovare? Scopriamolo in questo articolo

Parliamo di scadenza assicurazione auto. Quando ci avviciniamo alla scadenza, dobbiamo assolutamente rinnovare la nostra polizza.

Nel dicembre 2018 è stato introdotto un inasprimento delle sanzioni per chi viaggia con una assicurazione auto scaduta.

Se abbiamo un’assicurazione scaduta da pochi giorni, però, non dobbiamo certo disperare. La legge prevede, infatti, ben 15 giorni di tolleranza rispetto alla data di scadenza della polizza.

E’ vero, però, che una volta trascorso questo termine, dal primo accertamento scattano le sanzioni. Sanzioni che raddoppiano in caso di recidiva.

Facciamo un esempio. Se veniamo colti dalle autorità per la seconda volta senza assicurazione, si rischia di pagare una multa che può arrivare al costo di 6.792 euro. In più, si rischia la sospensione della patente e il fermo del mezzo.

Il periodo che intercorre tra il giorno in cui scade il premio indicato da contratto e i quindici giorni successivi ad esso sono chiamati “periodo di tolleranza”.

Tale periodo è quello in cui si può continuare a circolare con la polizza scaduta, senza commettere infrazioni e con una copertura ancora attiva. Essa termina alle 23:59 del quindicesimo giorno a partire dalla data di scadenza.

Se veniamo sorpresi con l’assicurazione scaduta, ma siamo sempre nei 15 giorni di periodo di tolleranza, si può ottenere una riduzione della sanzione, purché si provveda a regolarizzare la propria posizione entro il termine già indicato.

Esiste, in realtà, un altro caso molto particolare: se entro trenta giorni dalla stessa data l’auto viene demolita, si può lo stesso ottenere la riduzione della sanzione, in virtù di ciò che stabilisce l’articolo 193 del Codice della Strada e dall’articolo 1901 del Codice Civile.

Ricordiamo, infine, che la scadenza dell’assicurazione può essere annuale o semestrale, a seconda delle proprie esigenze personali.

Nel primo caso si va dunque a pagare una sola rata all’anno; nel secondo caso, invece, si avrà una polizza annuale pagabile in due rete (cioè ogni sei mesi).

Il nostro consiglio è, ovviamente, quello di tenere sempre monitorate le date di scadenza delle vostre polizza e se vi siete accorti del termine troppo tardi, utilizzate il 15 giorni per correre da Ecclesia!

I nostri consulente sapranno aiutarvi non solo per l’attivazione di una nuova polizza, ma anche per i conseguenti rinnovi!

Lascia un commento

2 × 5 =