Assicurazione droni: quando si stipula e come si fa
assicurazione per drone

Assicurazione droni: quando si stipula e come si fa

Parliamo di assicurazione droni, andando ad integrare quanto detto nei precedenti articoli con alcune novità imposte dalla legge

Assicurazione droni

L‘assicurazione droni è obbligatoria, in quanto il loro volo può creare una serie di rischi potenziali. Ormai questi dispositivi sono diffusissimi e si trovano un po’ ovunque. La normativa italiana, fino a dicembre 2019, faceva una distinzione tra i droni professionali e quelli utilizzati soltanto per hobby. A partire da quella data, però, è stata estesa l’obbligatorietà di assicurazione per tutte le persone che possiedono un drone.

Quanto può costare un’assicurazione di tale tipo? Molto dipende dal tipo di drone e dall’uso che ne vogliamo fare. Se il prodotto è sotto i 250 grammi, si andrà a pagare soltanto 30-40 euro. Se, invece, vogliamo un prodotto per uso professionale e ricreativo, le cifre vanno ad aumentare dai 70 ai 100 euro. Il massimale è abbastanza alto: per legge, infatti, dovrà essere almeno di 800.000 euro. Ma perché queste cifre sono così alte? Anche se i droni sembrano oggetti ricreativi e inoffensivi, possono creare tantissimi danni, specialmente quando vanno molto veloci.

La normativa italiana si è ampliata a partire dal luglio 2020. I possessori di droni, infatti, devono fare i conti con il regolamento europeo sui droni, con il passaggio di regolamentazione. Cosa comporta tutto questo? Ci sono dei requisiti da rispettare per i velivoli. Facciamo un esempio: la legge impone che i droni che hanno un peso inferiore a 25 kg, dovranno voltare soltanto ad un’altezza massima di 120 metri e devono essere rigorosamente marchiati CE.

Ancora, la legge prevede che ogni drone dotato di un sistema di videocamera deve essere registrato su un sito apposito. Ci vuole un QR Code da stampare e da attaccare in modo visibile sullo stesso apparecchio, per poter consentire l’identificazione. Per effettuare tutto questo, è necessaria una procedura per la registrazione sul sito, che costa 6 euro se possediamo un drone per uso ricreativo, 96 euro se abbiamo un apparecchio professionale. Infine, a partire dal luglio 2020 è obbligatorio il patentino per chi vuole pilotare un drone sopra i 249 grammi di peso, a prescindere dallo scopo ludico o professionale.

Lascia un commento

quattordici + venti =