Polizza cristalli: come funziona per le auto e per le moto

Polizza cristalli: come funziona per le auto e per le moto

La polizza cristalli è un tipo di assicurazione molto utile. Come funziona e che cosa copre per ciò che concerne auto e moto?

Polizza cristalli

La polizza cristalli mette a riparo le nostre vetture che possono essere colpite da danni ai vetri. Attraverso questo tipo di contratto, infatti, possiamo riparare o sostituire il parabrezza di una moto o i finestrini della nostra auto senza alcun costo aggiuntivo. Non è una polizza obbligatoria, ma accessoria alla RC auto.

Spesso è abbinata ad altre assicurazioni. Rappresenta un grande vantaggio per le persone che non hanno un garage dove riporre il mezzo di trasporto, ma anche per chi viaggia spesso. Ogni tipo di compagnia di assicurazione può effettuare proposte differenti: prima di scegliere quella che è più conveniente per noi è necessario confrontare attentamente ogni preventivo.

Una volta appurata l’esistenza del danno, il titolare della polizza cristalli andrà a contattare la propria compagnia di assicurazione. L’agenzia in genere richiede un invio delle foto atte a dimostrare l’entità del danno, per poter procedere al risarcimento. Dopo tutte le verifiche necessarie, i dati vengono trasmetti all’agenzia e si procederà al risarcimento del danno.

Vediamo, adesso, cosa va a coprire la polizza cristalli. Abbiamo detto che attraverso questa polizza possiamo essere rimborsati dei danni che hanno subito i cristalli dell’automobile: sono compresi anche gli eventi accidentali, nonché la rottura involontaria nei danni causati da terzi. In alcuni casi, determinate compagnie di assicurazione offrono gratis ai clienti nuovi un’assicurazione cristalli, ma non tutti lo fanno.

I danni possono riguardare il lunotto posteriore, il parabrezza anteriore, i vetri di sportelli e le fiancate laterali. Alcune compagnie spesso coprono danni che vengono subiti dal materiale del tettuccio panoramico o dei finestrini, anche se il materiali in questione non dovesse essere il vetro.

Il lunotto posteriore ed i finestrini laterali sono sempre sostituiti, mentre il parabrezza può essere anche riparato. Di solito viene riparato solo se il danno non è superiore ai 2,5 cm di diametro. Non è infrequente che la polizza cristalli copra anche i danni che vengono causati alle auto da atti vandalici. Le tariffe variano da compagnia a compagnia. Riparare il parabrezza può costare, ad esempio, un centinaio di euro, mentre la sostituzione dello stesso può costare dai cento ai mille euro.

Lascia un commento

dodici − 9 =