Sospensione assicurazione camper: come effettuarla

Sospensione assicurazione camper: come effettuarla

La sospensione assicurazione camper è utile quando dobbiamo tenere fermo il mezzo. Ma come e quando effettuarla?

Sospensione assicurazione camper

Molte persone scelgono di beneficiare della sospensione assicurazione camper. Il camper, infatti, spesso è un mezzo di trasporto che viene utilizzato per brevi periodi dell’anno. Da molte famiglie viene usato soltanto in estate, per le vacanze. Per le persone che hanno necessità di tenere fermo il proprio mezzo per svariati mesi, esiste la possibilità appunto di congelare l’assicurazione annuale e, quindi, di sospendere il pagamento del premio assicurativo.

Ogni compagnia ha delle modalità differenti per ciò che concerne la durata massima della sospensione della polizza. Alcune volte, infatti, la polizza può essere sospesa più volte nell’arco di un anno. E’ al momento della stipula della polizza che si decidono le condizioni di contratto, come sappiamo.

Come ci si comporta per avere la sospensione. E’ sufficiente avvisare la propria assicurazione delle nostre intenzioni. Lo possiamo fare tramite il telefono, la posta elettronica oppure anche tramite raccomandata o recandosi di persona nell’ufficio. E’ possibile, in tali casi, che la compagnia richieda di inviare il certificato di assicurazioni e la carta verde. Ricordiamo, inoltre, che per i mezzi con finanziamenti o in leasing, è necessario prima chiedere l’autorizzazione alla società che ha erogato il finanziamento.

Se avviene la sospensione dell’assicurazione, il mezzo non potrà circolare più in strada, nemmeno per pochi km. Non sarà possibile, ad esempio, nemmeno portarlo in un’officina vicina per la riparazione. Inoltre, ai sensi dell’articolo 193 del Codice della Strada, non potrà essere parcheggiato sul suolo pubblico.

Ricordiamo, inoltre, che sospendere l’assicurazione significa esere privi di copertura dai danni e dai rischi di incidenti che possono coinvolgere altre persone o veicoli. Nel caso, ad esempio, in cui il vostro mezzo prendesse accidentalmente fuoco, l’assicurazione non sarebbe tenuta a risarcire i danni causati a terzi: il proprietario del mezzo sarebbe quindi obbligato a pagare di tasca sua eventuali danni causati a terzi.

Lascia un commento

diciotto − 8 =